A Firenze una scuola costruita con una tecnologia innovativa

Realizzata in appena 3 mesi, è  interamente in legno, coperture comprese, e vanta una tecnologia all’avanguardia in materia di sicurezza.

È stata realizzata in soli 3 mesi e interamente in legno, coperture comprese, la scuola primaria “Italo Calvino” di Firenze.

Per erigere l’edificio, che vanta una superficie calpestabile di circa 4200 metri quadrati, è stata utilizzata per la prima volta una tecnologia di costruzione brevettata in collaborazione con l’Università di Padova che ha permesso di costruire con estrema precisione e velocità.

L’innovativa tecnologia consiste in un cordolo per l’attacco a terra realizzato in alluminio montato su una platea in cemento armato che presenta importanti vantaggi costruttivi.

Foto sopra: Particolare del montaggio Xlam. Foto grande: Sottotetto con travi ad onda. Lavorazione artigianale di Vivere Il Legno.
Foto sopra: Particolare del montaggio Xlam. Foto grande: Sottotetto con travi ad onda. Lavorazione artigianale di Vivere Il Legno.

L’edificio, che sorge in località Scandicci, in provincia di Firenze, si sviluppa in parte su due e in parte su tre livelli.

È una metodologia che consente non solo di risolvere il problema dell’umidità di risalita dalla platea verso la parte strutturale – spiega Roberto Cerone, titolare di Vivere Il Legno, azienda costruttrice delle opere strutturali in legno – ma anche di assicurare la perfetta planarità delle pareti, alte anche una decina di metri in questo caso, permettendoci di costruire con estrema precisione”.

Le strutture in legno, con la sola eccezione della copertura costituita anche da imponenti travi con curvature modellate direttamente da tronchi unici, sono state poi ricoperte da pannelli ignifughi in cartongesso. Si tratta dunque di una costruzione che unisce tecnologia avanzata e tradizione, in un connubio perfetto che dona all’edificio comfort e sicurezza.

Questa scuola è quindi uno dei primi esempi di realizzazione di un edificio pubblico con una tecnologia all’avanguardia che unisce la precisione di realizzazione ai benefici della costruzione in legno rispetto ai quella dei materiali tradizionali.

Nel centro Italia non siamo ancora ai livelli del nord, dove le costruzioni in legno sono più diffuse – aggiunge Roberto Cerone – ma cominciano ad essere riscoperti e sempre più apprezzati i molteplici vantaggi che presentano, tra cui i tempi di realizzazione molto brevi, sicurezza antisismica, rispetto dei costi in base al preventivo di spesa e comfort abitativo superiore”.

© Riproduzione riservata

GUARDA IL VIDEO
I dati del progetto:
  • Scuola primaria in bioedilizia
  • Superficie calpestabile: 4200 mq
  • Pianta: 83 m x 22 m
  • Tempi di costruzione: 3 mesi
  • Sistema costruttivo: pareti strutturali di tipo X-LAM posate su cordolo in alluminio fissato su platea in cemento armato

GALLERY

error: Il contenuto è protetto dalla copia.